GLOSSARIO
Account
Adware
Auction fraud
Avatar
Backdoor
Baiting
Bannare
Banner
Bitcoin
Blog
Browser
Candy girl
Catena di Sant’Antonio online
Catfish
Choking game
Click baiting
Clickjacking
Codice IMEI
Community
Cookie
Cryptolocker ransomware
Cyberbashing
Cyberlaundering
Cybersquatting
Cyberstalking
Deep Web
Denigrazione
Driving selfie
Emoticon
Eyeballing
Fake
Filtro antispam
Firewall
Flaming
Grooming
Happy slapping
Harassment
Hentai
Hikikomori
Hoax
Indirizzo IP
Instant Messaging
Jailbreak
Joe Job
Keylogger
Knockout game
Mailbombing
Malware
Microblogging
Neknominate
Nickname
Outing And Trickery
Peer-to-Peer
Phishing
PUP (potentially unwanted program)
Ransomware
Romance scam
Scareware
Selfie
Selfie
Sexting
Sextorsion
Sock puppet
Spam
Spyware
Trojan
Troll
Virus
Vishing
Webcam
Worm
ACCEDI

Non ricordi più i tuoi dati di accesso? Clicca qui per recuperarli

Non hai ancora un account?
OKKIO AI PERICOLI / LA CACCA / COMPORTAMENTI / Responsabilità verso il prossimo
Responsabilità
verso il prossimo

Spesso pensiamo ai pericoli della rete immaginando nostro figlio come possibile vittima di comportamenti altrui. Ma se invece, questa volta, il ‘lupo cattivo’ fosse proprio lui?

È nostro compito insegnare il senso di responsabilità e il rispetto nei confronti degli altri, e verificare che il classico “Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te” venga rispettato anche per la condotta online.

Ma per il Web, ci sono regole speciali di comportamento?

Internet è la più potente tecnologia di comunicazione. Fin dagli inizi della sua storia (molto breve peraltro) ci si è preoccupati di definire le sue regole di “buona educazione” e comportamento.

Sono le regole della “netiquette”, unione tra network (rete) e étiquette (buona educazione). 

Il rispetto della netiquette non è imposto da alcuna legge e sotto un aspetto giuridico è spesso solo richiamata nei contratti di fornitura di servizi di accesso da parte dei provider.

In genere si tratta di regole di buon senso basate sul principio “non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te” o rispetta gli altri come vorresti essere rispettato. Ma vale la pena rivedere di tanto in tanto queste regole di buona convivenza e di prestare maggiore attenzione a quanto facciamo online.

Ognuno è responsabile di ciò che personalmente scrive, o di ciò che intenzionalmente diffonde. Internet è uno strumento che può garantire una estrema libertà di espressione. Essere liberi significa anche essere responsabili e civili.

Dobbiamo perciò educare i nostri figli ad impegnarsi sempre a rispettare la libertà e la riservatezza di tutti; ed essere sempre pronti ad assumersi la responsabilità di ciò che si dice e si scrive.

Ce lo impone, prima ancora della legge, il rispetto per le persone che ci leggono.

Molti ragazzi sulla rete si comportano molto peggio di quanto non si comporterebbero nella realtà, in quanto il senso di anonimato, di distanza, di protezione offerto dalla tecnologia è tale da indurre ad atteggiamenti ed azioni che dimostrano uno scarso rispetto del prossimo.

Talvolta tutto questo avviene in modo inconsapevole, ma spesso siamo noi genitori a non spiegare come ci si dovrebbe comportare.

Si riscontrano sul web comportamenti quanto mai scorretti che possono finire in tradursi anche in veri e propri reati.

In questi casi si finisce per parlare di vessazione, di bullismo online o cyberbullismo.

Vale quindi la pena leggersi le regole della netiquette e parlarne in famiglia.

  • Consultare ed applicare la netiquette della rete ed insegnarla ai nostri ragazzi.
  • Riflettere sul ruolo di genitore e verificare come si comportano i ragazzi sul Web.
Se hai altri suggerimenti che ti sembrano utili, condividili lasciando qui il tuo contributo.
SEGNALA LA CACCA... O LA SOLUZIONE!
PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE SEGNALANDO LA TUA ESPERIENZA O CONDIVIDENDO UN TUO SUGGERIMENTO PER COME RISOLVERLA
*PER LASCIARE UN COMMENTO DEVI AVER ESSERE REGISTRATO.
CONTRIBUTI